TEATIME

 

 

“Sotto un albero davanti alla casa c’era una tavola apparecchiata, e la lepre Marzolina stava prendendo il tè insieme al Cappellaio: in mezzo a loro stava seduto un Ghiro, profondamente addormentato, mentre gli altri tenevano i gomiti appoggiati su di lui e scambiavano chiacchiere sopra la sua testa. “E’ molto scomodo per il Ghiro, – pensò  Alice; – però, siccome dorme, credo che non ci faccia troppo caso”.                                                                                              La tavola era grande, ma i tre stavano tutti raggruppati in un angolo. – Non c’è posto! Non c’è posto! – gridarono vedendo arrivare Alice. – Ma se c’è un sacco di posto!-  disse Alice indignata, e si sedette in un’ ampia poltrona a capo della tavola……….”

 

Tratto da:

Alice nel Paese delle Meraviglie di Lewis Carroll – Giulio Einaudi Editore  – Capitolo Settimo: Un tè matto.

 

Il sole è finalmente tornato, le giornate si sono allungate e nell’ aria si respira già odore di primavera. Ho voluto tirare fuori tutti i servizi da tè bavaresi, mischiarli ed apparecchiare per una merenda un po’ retro’. Nuovo ed antico che si fondono e creano un perfetto omaggio alla piu’ grande sognatrice di tutti i tempi, Alice.

 

Lascia un commento